Relax alle Terme di Comano

 

 

Se penso alla parola “vacanza rilassante” la mia immediata associazione mentale è con le terme. Quell’anno poi, era stato un po’ difficile per alcuni problemi anche di salute (per fortuna risolti). La migliore soluzione, per me e mio marito, sarebbe stata quella di trascorrere qualche giorno di vacanza alle terme. In prima battuta mio marito non era molto entusiasta: ha un concetto di terme “vecchio”. Associa il turismo termale al turismo degli anziani e alla terapia. Per fortuna sono riuscita, insistendo, a convincerlo e mi sono messa alla ricerca (su dei cataloghi che un mio amico titolare di un’agenzia viaggi mi aveva offerto) del luogo ideale per noi. La scelta è stata difficile (adoro viaggiare e ho parecchi luoghi italiani e non da visitare!) ma alla fine è ricaduta sulle Terme di Comano.

Vuoi perché il mio amico ne aveva parlato bene, vuoi perché, oggi, con questo fantastico mezzo che è Internet, girovagando su siti, blog e forum ne avevo ricavato solo informazioni positive, alla fine abbiamo prenotato per Comano Terme.

 

Siamo arrivati in macchina e la prima impressione che ho avuto è stata che tutta l’economia, la società e la cultura di questo piccolo borgo trentino ruotasse attorno alle terme, la principale, se non l’unica attrazione del luogo. Il paesino presenta tutte le tipicità e le caratteristiche del borgo montano sulle Dolomiti: silenzio e tranquillità, verde, strade pulite, tetti spioventi ed abitazioni di legno con tanti gerani fioriti e colorati sui balconi. Dopo un lungo viaggio, ci siamo rifocillati in un ristorantino in tipico stile alpino e siamo andati in albergo. Siamo stati in un hotel bellissimo e molto accogliente: la camera non era propriamente in stile trentino (mi sarebbe piaciuto perchè l’avrei trovata più accogliente come atmosfera) ma è solo un dettaglio perchè nulla si può dire sull’accoglienza e la qualità dei servizi. L’indomani ci aspettava una colazione a buffet davvero senza eguali: bevande calde e dolci (ricordo ancora adesso una torta ai pinoli meravigliosamente buona) erano proprio l’ideale per cominciare bene!

 

Nei nostri giorni di permanenza abbiamo goduto appieno dei benefici che solo le terme sanno dare.

 

Le Terme di Comano si sviluppano all’interno di un parco naturale ed un ambiente incontaminato, ideale per il miglioramento della salute fisica e psichica. Nel parco hai la possibilità di camminare, fare ginnastica, insomma muoverti per sciogliere le articolazioni ed i muscoli e cominciare a riprenderti cura di te stesso. Dal parco si gode un panorama mozzafiato: a parte le colline e i boschi di abeti e pini, ci sono loro…le Dolomiti che si stagliano con tutta la loro imponente e magnificente bellezza. Un bellissimo sottofondo “musicale” è il rumore dell’acqua: sgorga dalle sorgenti ed alimenta dei piccoli laghetti e si comprende come la faccia da “padrona” perchè elemento naturale preziosissimo.

In più, mentre, cominciavo a familiarizzare con il parco – prima di entrare nel vivo delle cure benessere – prendendo informazioni su cataloghi, manifesti, ecc ho notato che le terme sono anche certificate EMAS. Per molti tale certificazione non dice nulla, ma per motivi professionali so bene che si tratta di una certificazione ambientale. E di questo ero molto soddisfatta: in pratica la gestione delle terme è compatibile con l’ambiente e non produce impatto ambientale.

 

Per fortuna non avendo problemi dermatologici (le acque delle Terme di Comano sono indicate proprio per eczemi, psoriasi, ecc) mi sono riservata solo trattamenti estetici e cosmetici. In questi giorni ho fatto peeling totale al corpo, massaggi per riattivare la circolazione e per migliorare il drenaggio che procura la cellulite. Ho fatto anche la pulizia del viso ed un trattamento viso antiage. Le massaggiatrici e le estetiste sono davvero professionali e cortesi.

 

Mio marito? Nel momento di permanenza alle terme siamo stati separati ed è come se avessimo fatto vacanze solitarie: giustamente io, come donna, avevo esigenze (la cellulite, il linfodrenaggio) diverse dalle sue. Lui non si è fatto mancare i massaggi alla cervicale ed il massaggio antistress. Per quanto mi riguarda avrei voluto fare tanti altri trattamenti (il bendaggio con l’acqua termale e tanti altri tipi di massaggi – thai, olistico, ecc – che non ho fatto) ma, si sa, andare alle terme è anche un bell’impegno economico e così ho rinunciato a qualcosina.

 

Naturalmente non siamo vissuti, in questi giorni di sole terme. Abbiamo anche girato un po’: a Comano Terme, tranne qualche castello non c’è nulla da vedere (ma ci impieghi davvero pochissime ore). Quel che mi ha stupito è stato Stenico (a pochi chilometri da Comano). Forse è ancora più piccolo del borgo termale: abbiamo visitato un castello, che poi in effetti è una fortificazione in pieno stile romanico medievale e si sa, i castelli trentini sono famosi per il loro essere spettacolari.

 

L’ultimo giorno alle terme ne ho approfittato per fare shopping. Infatti qui vendono prodotti cosmetici e ho deciso di fare questo piccolo investimento proprio per portarmi a casa i benefici della vacanza e prolungare quella sensazione di benessere. Ne ho approfittato anche per portare qualche regalinno (molto gradito) alle mie amiche più care. Ci tornerei? Si che ci tornerei anche se quando si va alle terme si deve essere consapevoli che la vacanza è un momento rilassante ed occasione per avere un beneficio fisico e mentale. Insomma non dovrebbero essere scelte da chi non ama la montagna e da chi vuole trarre dalla vacanza solo divertimento ed adrenalina.

L'autore: EasyTrentino
etadmin
Appassionati del nostro territorio, abbiamo raccolto e pubblicato i racconti che ci avete mandato.
http://www.easytrentino.it